CALENDARIO ATTIVITA' GRUPPO

35,10,0,50,1
25,600,60,0,3000,5000,25,800
90,150,1,50,12,30,50,1,70,12,1,50,1,1,1,5000
0,2,1,0,2,40,15,5,2,1,0,20,0,1
Apertura Anno scout 2017/2018
Apertura Anno scout 2017/2018
Campo Estivo 2016
Campo Estivo 2016
By Agesci Porto Torres 1
Route Nazionale Comunità Capi 1997
Route Nazionale Comunità Capi 1997
Firma Carta di Clan - 1980
Firma Carta di Clan - 1980
By Agesci Porto Torres 1
Campo Estivo di gruppo 2016
Campo Estivo di gruppo 2016
By Agesci Porto Torres 1
Route Nazionale Branca RYS 2014
Route Nazionale Branca RYS 2014

Che cos’è una Base Scout
Una “Base Scout” è un luogo (casa, terreno per il campeggio, servizi, ecc.) attrezzato per ospitare unità di qualsiasi branca e per essere centro di formazione dei capi educatori. Le “Basi Scout” sono dotate di servizi, di supporto e informativo, per lo svolgimento delle tipiche attività all’aperto previste dal metodo educativo ideato da Lord Baden-Powell. Data la dimensione internazionale del Movimento, nel mondo sono presenti diverse Basi: Kandersteg , in Svizzera, è certamente il Centro più noto in Europa. In Italia, i Centri più famosi si trovano a Spettine (E.Romagna), Bracciano (Lazio), Vara (Liguria), Colico (Lombardia), Costigiola (Vicenza). Nelle Basi scout, oltre ai tradizionali Campi delle unità, si svolgono eventi formativi per l’approfondimento di tecniche (pionieristica, hebertismo, conoscenza della natura, orientamento, nautica, ecc) . Inoltre, le Basi sono il luogo privilegiato per lo svolgimento dei corsi di formazione per capi scout. In questi ultimi anni, nelle Basi si sono svolte interessanti attività, organizzate dall’Agesci, che hanno coinvolto le scuole.
“Il nostro sogno”
Il sogno di una Base, nel Parco Nazionale dell’Asinara, nasce nel 1997, all’indomani dell’atto che istituiva il Parco e dopo l’Intesa tra Ministero dell’Ambiente e Associazioni Scout. La particolare posizione dell’isola (al centro del Mediterraneo) e la sua bellezza ci portava ad ipotizzare la realizzazione di un Centro che potesse essere al tempo stesso laboratorio per sperimentare, attraverso il Metodo scout, modi di vita ecocompatibili e luogo di incontro degli scouts appartenenti ai paesi che si affacciano sul Mediterraneo: l’Asinara come “ponte” ideale fra il mondo occidentale e l’Africa, un punto di incontro di culture e religioni diverse.

Dopo il 1997, lo scautismo ha realizzato, in stretta collaborazione con l’Ente Parco, diverse attività:
- Settembre 1999 – Settimana di Educazione Ambientale.
- Maggio 2000 – “L’acqua elemento vitale” – attività di conoscenza dell’ambiente fluviale (Rio Mannu).
- Estate 2001 – Sinuariascout 2001 – attività di prevenzione e vedetta per l’avvistamento di incendi. L’attività coinvolse duecento scout provenienti da diverse regioni italiane.
Le diverse attività realizzate sono state ritenute valide dall’Ente Parco che, nell’ottobre 2000, ha stipulato un protocollo di Intesa con le associazioni scout (Agesci – Cngei – Masci).
Ultimamente, la collaborazione fra il gruppo Agesci Porto Torres 1 e il Parco ha avuto una nuova rivitalizzazione. Nel corso dell’estate 2009, il gruppo ha realizzato:
-In collaborazione e su richiesta della Commissione Asinara del Comune di Porto Torres, la raccolta e la riorganizzazione del materiale didattico della scuola di Cala d’Oliva e la successiva realizzazione della mostra “Un giorno di scuola a Cala d’Oliva” – maggio 2009.
-Interventi di pulizia di alcuni luoghi nel Parco dell’Asinara: in particolare, pulizia della cappella austro-ungarica di Cala Reale, con tinteggiatura del portone e dei suoi infissi. Inoltre, l’attività estiva ha segnato anche l’inizio della collaborazione per il ripristino e la segnatura della rete sentieristica del Parco. In questa occasione, il suddetto gruppo ha coinvolto due diverse unità scout, una lombarda e la seconda spagnola, con innegabili ritorni di immagine per il Parco e il territorio turritano.
-Collaborazione con gli operatori del Parco, in occasione delle attività con le scuole all’interno del Parco Baden-Powell di Porto Torres.
Nel corso dell’estate 2010, sono stati realizzati :
-Un campo di Competenza per l’approfondimento delle tecniche di conoscenza naturalistica e di esplorazione – al campo parteciperanno una trentina di ragazzi provenienti da diverse regioni della penisola, sotto la diretta responsabilità di adulti dell’Agesci.
- Campo mobile (fine luglio, metà e fine agosto) di tre diverse gruppi scout (clan – ragazzi dai 16 ai 21 anni): clan Iglesias, compagnia Villacidro, clan Alessandria e Clan Bologna. Le quattro diverse unità saranno ospiti del centro avifaunistico guidato dal dott. Danilo Pisu che coinvolgerà i ragazzi nelle consuete attività del centro. I Clan completeranno l’attività con lo svolgimento di altre attività di servizio (vd. Manutenzione dei sentieri).

A queste attività hanno partecipato un centinaio di scout.

0
0
0
s2smodern
powered by social2s

BRANCA L/C

Il grande gioco dello scautismo inizia fin da bambini, con la proposta di una esperienza fantastica giocata e vissuta nell’atmosfera della Giungla di Kipling o del Bosco. Nel Branco e nel Cerchio sono accolti bambini e bambine dagli 8 agli 11/12 anni: Lupetti, Lupette e Coccinelle.

BRANCA E/G

Il Reparto è l’unità di ragazzi e ragazze dagli 11/12 ai 16 anni, gli Esploratori e le Guide. Comprende tre o quattro Squadriglie, formate da 7-8 ragazzi o ragazze che progettano e realizzano in modo autonomo attività e imprese.

BRANCA R/S

La branca Rover/Scolte si rivolge ai giovani e alle giovani compresi tra i 16 ed i 20/21 anni e si propone di favorire, attraverso l’autoeducazione, la crescita di ciascuno, nella disponibilità al servizio del prossimo, nello sforzo di maturare delle scelte per la vita.

I CAPI

I capi, i soci adulti e gli Assistenti Ecclesiastici sono coloro che avendo compiuto scelte solide  ed acquisito adeguate competenze, sono impegnati nel servizio educativo di bambini, ragazzi, giovani. Il loro servizio è gratuito. Gli Assistenti Ecclesiastici sono sacerdoti corresponsabili della  proposta scout all’interno delle Unità, delle Comunità capi e degli altri livelli associativi.