CALENDARIO ATTIVITA' GRUPPO

35,10,0,50,1
25,600,60,0,3000,5000,25,800
90,150,1,50,12,30,50,1,70,12,1,50,1,1,1,5000
0,2,1,0,2,40,15,5,2,1,0,20,0,1
Apertura Anno scout 2017/2018
Apertura Anno scout 2017/2018
Campo Estivo 2016
Campo Estivo 2016
By Agesci Porto Torres 1
Route Nazionale Comunità Capi 1997
Route Nazionale Comunità Capi 1997
Firma Carta di Clan - 1980
Firma Carta di Clan - 1980
By Agesci Porto Torres 1
Campo Estivo di gruppo 2016
Campo Estivo di gruppo 2016
By Agesci Porto Torres 1
Route Nazionale Branca RYS 2014
Route Nazionale Branca RYS 2014

Dopo quattro anni di attività e alla conclusione di un intenso anno di attività, il Progetto Educativo di gruppo "Costruttori di ponti" è arrivato alla sua conclusione. Quattro anni fa, la Comunità Capi aveva individuato gli obiettivi educativi nel creare/rafforzare relazioni (creare ponti) e nella riscoperta delle radici del gruppo scout. Oggi la Comunità Capi inizia il percorso di verifica del P.E.G. 2016-2019 (clicca per scaricare il P.E.G. in scadenza), di analisi d'ambiente e dei bisogni educativi, per arrivare ad individuare gli obiettivi educativi del prossimo P.E.G. 2020-2025.

Cerchiamo di approfondire meglio che cos'è un Progetto Educativo di una Comunità Capi

Dallo Statuto Agesci (2019)

Art. 27 – Progetto educativo del Gruppo

1. Il progetto educativo del Gruppo, ispirandosi ai principi dello scautismo e al Patto associativo, individua le aree d’impegno prioritario per il Gruppo a fronte delle esigenze educative emergenti dall’analisi dell’ambiente in cui il Gruppo opera e indica i conseguenti obiettivi e percorsi educativi.

2. Il progetto educativo è periodicamente verificato e rinnovato dalla Comunità capi.

Dal Regolamento Metodologico Agesci (2019) 

Art. 6 - Progetto educativo

Il progetto educativo è elaborato dalla Comunità Capi e assicura l’unitarietà della proposta educativa dell’Associazione tra le varie unità, la sua continuità tra le branche, il suo adattamento alle accertate necessità dell’ambiente in cui il gruppo vive.

Il progetto educativo, definito in forma scritta, fa riferimento alle tre scelte del Patto Associativo muovendosi all’interno dello Statuto e del Regolamento dell’Associazione.

È presentato ad ogni nuovo capo che entra in Comunità capi, illustrato alle famiglie dei ragazzi e periodicamente ridiscusso secondo le necessità. Viene concretizzato nei programmi di unità con gli strumenti specifici di ciascuna branca.

Infine, un ultimo contributo di approfondimento sul P.E.G.. Si tratta di un contributo, scritto per "il Manuale del Capo Gruppo" AGESCI (Ed. Fiordaliso, 2010) -  Versione aggiornata del 2018 : IL PROGETTO EDUCATIVO IN AGESCI , di Fabrizio Coccetti.

 

 

 

0
0
0
s2smodern
powered by social2s

BRANCA L/C

Il grande gioco dello scautismo inizia fin da bambini, con la proposta di una esperienza fantastica giocata e vissuta nell’atmosfera della Giungla di Kipling o del Bosco. Nel Branco e nel Cerchio sono accolti bambini e bambine dagli 8 agli 11/12 anni: Lupetti, Lupette e Coccinelle.

BRANCA E/G

Il Reparto è l’unità di ragazzi e ragazze dagli 11/12 ai 16 anni, gli Esploratori e le Guide. Comprende tre o quattro Squadriglie, formate da 7-8 ragazzi o ragazze che progettano e realizzano in modo autonomo attività e imprese.

BRANCA R/S

La branca Rover/Scolte si rivolge ai giovani e alle giovani compresi tra i 16 ed i 20/21 anni e si propone di favorire, attraverso l’autoeducazione, la crescita di ciascuno, nella disponibilità al servizio del prossimo, nello sforzo di maturare delle scelte per la vita.

I CAPI

I capi, i soci adulti e gli Assistenti Ecclesiastici sono coloro che avendo compiuto scelte solide  ed acquisito adeguate competenze, sono impegnati nel servizio educativo di bambini, ragazzi, giovani. Il loro servizio è gratuito. Gli Assistenti Ecclesiastici sono sacerdoti corresponsabili della  proposta scout all’interno delle Unità, delle Comunità capi e degli altri livelli associativi.