35,10,0,50,1
25,600,60,0,3000,5000,25,800
90,150,1,50,12,30,50,1,70,12,1,50,1,1,1,5000
0,2,1,0,2,40,15,5,2,1,0,20,0,1
Apertura Anno scout 2017/2018
Apertura Anno scout 2017/2018
Campo Estivo 2016
Campo Estivo 2016
By Agesci Porto Torres 1
Route Nazionale Comunità Capi 1997
Route Nazionale Comunità Capi 1997
Firma Carta di Clan - 1980
Firma Carta di Clan - 1980
By Agesci Porto Torres 1
Campo Estivo di gruppo 2016
Campo Estivo di gruppo 2016
By Agesci Porto Torres 1
Route Nazionale Branca RYS 2014
Route Nazionale Branca RYS 2014

Colico ... terra di mille storie

"Se vuoi costruire una nave, non devi per prima cosa affaticarti a chiamare la gente a raccogliere la legna e a preparare gli attrezzi; non distribuire i compiti, non organizzare il lavoro. Ma invece prima risveglia negli uomini la nostalgia del mare lontano e sconfinato. Appena si sarà risvegliata in loro questa sete si metteranno subito al lavoro per costruire la nave". (Antoine de Saint-Exupéry)

Mancano pochi mesi alla partenza per il campo estivo di gruppo. Branco, Reparto e Clan/Fuoco si preparano a vivere un'Avventura unica, in un territorio nel quale lo scautismo ha lasciato profonde tracce. Per le nostre unità e per i nostri ragazzi, sono giorni di preparazione, non solo tecnica, per progettare e realizzare un campo "da protagonisti". #fortytogether

Scopriamo qualcosa in più della vicina Valcodera. In questi giorni le nostre scolte hanno iniziato e continuano a pianificare il piano della Route ... sulle tracce delle #Aquile Randagie

 (da OpuscoloRouteValCodera)

"La primavera è già tornata con sé portando il sole d'or, e la squadriglia è preparata ad esplorare valli in fior… Il venticello che ci sussurra esplorator tu devi andar e venir su senza paura la tua tenda a piantare ue ue …noi siam gli scout…"

Così cominciava una canzone scout di tanti anni fa. Una canzone che cantavano anche le Aquile Randagie.
La Val Codera è l'unica fra le valli maggiori della provincia di Sondrio (come altre poche in Italia) a non essere accessibile alle automobili: questo le conferisce un fascino per molti aspetti unico.
In valle si incontrano piccoli centri ora abitati da poche persone che preferiscono un posto isolato, ma bello e tranquillo, alle comodità ed alla frenesia del mondo. Ma è un posto dove fino a qualche decina di anni fa viveva una vivace comunità di montanari/contadini che traeva sostentamento dalla terra coltivata con grande fatica o dagli animali allevati all'aperto e dalla cavatura e lavorazione della pietra.
In questo ambiente montano comparvero un giorno del 1939 le Aquile Randagie AR. Erano ragazzi come te, che volevano vivere i valori della promessa e della legge scout. Ma allora non era permesso e le attività erano clandestine dall'emanazione delle "leggi fascistissime" del 1928. La loro avventura di strada, comunità e servizio cessò di essere clandestina solo 17 anni dopo: il 25 aprile del 1945.
In questa valle le Aquile Randagie incontrarono la natura e i valligiani, gente semplice, e tra essi nacque una profonda amicizia che in molti casi durò anche oltre quei bui periodi.
Da allora la valle si è spopolata, ma è ancora un piacere visitarla, incontrare la natura e la gente.
Si sale a piedi, con lo zaino, con i propri compagni di strada. Si sperimenta la provvisorietà della strada con i suoi disagi e il suo fascino. Si sperimentano i propri limiti e le proprie risorse, si può cercare nel silenzio e nella contemplazione del libro della Natura la mano di Dio creatore, si possono vivere diverse occasioni di mettersi al servizio del prossimo.
Si verifica che lo scautismo entra dai piedi.

Salendo ti accorgerai che non sei solo. Ci sono i tuoi compagni di strada e coloro che incontri lungo la via. Ci sono gli abitanti dei luoghi. Nelle basi scout (la Centralina e la Casera) troverai anche dei capi scout che ti aiuteranno a conoscere la valle, l'esperienza delle Aquile Randagie, ad incontrare la gente, a conoscere i posti e a compiere un piccolo servizio per la valle.

Potrai così rinnovare una volta in più la tua esperienza di comunità, strada e servizio.

E' un'esperienza da preparare con calma e da vivere con entusiasmo.

 

0
0
0
s2smodern
powered by social2s