35,10,0,50,1
25,600,60,0,3000,5000,25,800
90,150,1,50,12,30,50,1,70,12,1,50,1,1,1,5000
0,2,1,0,2,40,15,5,2,1,0,20,0,1
Apertura Anno scout 2017/2018
Apertura Anno scout 2017/2018
Campo Estivo 2016
Campo Estivo 2016
By Agesci Porto Torres 1
Route Nazionale Comunità Capi 1997
Route Nazionale Comunità Capi 1997
Firma Carta di Clan - 1980
Firma Carta di Clan - 1980
By Agesci Porto Torres 1
Campo Estivo di gruppo 2016
Campo Estivo di gruppo 2016
By Agesci Porto Torres 1
Route Nazionale Branca RYS 2014
Route Nazionale Branca RYS 2014

Vita nell'esercito

La sua prima missione col reggimento ebbe luogo in India, dove restò 8 anni densi di esperienze di pace e di guerra, di sport e di caccia (e dove tra l'altro conobbe il suo grande amico e romanziere Rudyard Kipling).

Nel periodo in cui era in India, Baden Powell, per tenere occupati e in buona salute i suoi uomini che vivevano in un clima malsano e si annoiavano nella monotonia della vita di guarnigione, pensò di farli diventare esperti nella tecnica dello "scouting". Nell'esercito inglese la parola "scouting" indicava l'arte della "ricognizione" e Baden Powell era particolarmente abile in essa. Organizzò così fra i suoi uomini un gruppo di "scout", insegnando loro a seguire le tracce, a osservare e a interpretare gli indizi lasciati sul terreno, a vedere senza essere visti, ad affrontare la dura e difficile vita nelle foreste e nelle zone sperdute ai confini della civiltà. Ottenne anche dallo Stato Maggiore un apposito distintivo per gli "scouts": un giglio, che sulle antiche bussole simboleggiava il Nord. Di ritorno, alcuni ufficiali (tra cui lui) vennero inviati in Africa e promosso Tenente, dove ebbe modo di osservare la vita delle popolazioni indigene, il loro modo di cacciare, cantare, danzare... più tardi adottò la stretta di mano con la sinistra tipica degli scout adottandola dalla tribù africana degli Ashanti.

Il nostro giovane ufficiale era assetato di conoscere tutto ciò che lo circondava. In quegli anni con un contingente di indigeni Matabele apre il cammino nella foresta alla spedizione che lo seguiva tracciando strade, costruendo ponti, segnalando pericoli e si conquistò il rispetto di tutte le popolazioni con cui entrò in contatto (o scontro): Zulu, Ashanti, Matabele, che gli danno il soprannome di M'HLALA PANZI, cioè "l'uomo che si sdraia per uccidere" per l'abilità con la quale si apposta per cacciare e di IMPEESA, cioè "l'animale che non dorme". Seguirono gli anni dello spionaggio: anni densi di mistero in cui B.P. venne incaricato di missioni delicatissime in Germania, Russia e altrove... da cui se la caverà utilizzando tutte le sue risorse. A Malta divenne responsabile dell'Intelligence Service di tutto lo scacchiere mediterraneo, cosa che gli farà conoscere l'Italia e gli altri paesi rivieraschi. A Malta creò un circolo ricreativo per soldati, per sottrarsi a bettole e a case di malaffare; al circolo diede il nome di “Cataplasma”. Nel 1897 rientra con il grado di Colonnello in India a comandare il reggimento Dragoni. In questo periodo prepara un manuale per i suoi soldati dal titolo "Aids to Scouting". Questo manuale interessa anche  le scuole inglesi. Ritorna in Africa dove crea un gruppo di soldati di frontiera. Li fa esercitare continuamente in modo che siano in grado di affrontare qualsiasi difficoltà. In particolare dà loro lo spirito ed il rispetto di ogni cosa che li circonda, facendogli studiare le piante e la vita degli animali, gli insegna a seguire le tracce e ad osservarli nel loro ambiente.

0
0
0
s2smodern
powered by social2s